isde chiede le relazioni dei gestori del SII come prescritto dal decreto Pres. Regione Lazio del 29 luglio 2011

L’Associazione italiana medici per l’ambiente –Isde in data 27 agosto 2012 ha richiesto le relazioni redatte dai gestori delle captazioni idriche come prescritto dal Decreto del Presidente della Regione Lazio N. T0258 del 29/07/2011 e  le informazioni relative agli atti e agli interventi prescritti sempre da questo stesso Decreto in merito alla presenza di arsenico nelle acque destinate a consumo umano.

L’Associazione italiana medici per l’ambiente –Isde (International Society of Doctors fo r the Environment – Italia) in data 27 agosto 2012  ha richiesto alla Regione Lazio ed alle altre istituzioni competenti le relazioni redatte dai gestori delle captazioni idriche come prescritto dal Decreto del Presidente della Regione Lazio N. T0258 del 29/07/2011 e le informazioni relative agli atti e agli interventi prescritti sempre da questo stesso Decreto in merito alla presenza di arsenico nelle acque destinate a consumo umano.
Associazione italiana medici per l’ambiente-Isde di Viterbo

Viterbo, 30 agosto 2012

Per comunicazioni: Isde di Viterbo, tel.3383810091, e-mail: isde.viterbo@gmail.com

Di seguito il testo  

Alla Presidente della Regione Lazio

al Presidente della Provincia di Viterbo

all’Assessore alla Sanità della Regione Lazio

All’Assessore all’ambiente della Regione Lazio,

all’Assessore all’ambiente della Provincia di Viterbo

ai Sindaci dei Comuni del viterbese nei quali la presenza di arsenico nelle acque destinate a consumo umano supera il limite massimo stabilito dal Decreto Legislativo 31/2001

al Direttore sanitario della Asl di Viterbo

al Dipartimento di prevenzione – Servizio igiene e sanità pubblica della Asl di Viterbo

al Garante del Servizio idrico integrato della Regione Lazio

all’Arpa Lazio – sezione di Viterbo

alla Talete spa

ai Responsabili dell’Ato 1 – Lazio

e per opportuna conoscenza

al Prefetto di Viterbo

al Presidente del Tribunale di Viterbo

al  Responsabile dell’Ufficio scolastico della Provincia di Viterbo

al Presidente dell’Ordine dei medici-chirurghi ed odontoiatri di Viterbo

 

 

Oggetto : richiesta delle relazioni redatte dai gestori delle captazioni idriche come prescritto dal Decreto del Presidente della Regione Lazio N. T0258 del 29/07/2011 e richiesta d’informazioni relative agli atti e agli interventi prescritti sempre da questo stesso Decreto in merito alla presenza di arsenico nelle acque destinate a consumo umano.

 

Egregi Signori,

come noto, da oltre dieci anni il  Decreto Legislativo 31/2001 fissa il limite massimo del contenuto di arsenico, sostanza tossica e cancerogena, in 10 microgrammi/litro, per le acque destinate ad uso potabile e per il loro utilizzo nelle preparazioni alimentari.

Tra  pochi mesi, il 31 dicembre 2012, avrà termine anche l’ultima proroga stabilita dalla Commissione europea per effettuare tutti gli interventi  necessari e definitivi per il rientro nei parametri di legge di questa sostanza classificata dall’Agenzia internazionale di ricerca sul cancro (Iarc) come cancerogeno di classe 1.

Il Decreto del Presidente della Regione Lazio n. T0258 del 29/07/2011 in merito alla presenza di arsenico, nelle acque destinate a consumo umano ha prescritto al punto “ 7. che i gestori delle captazioni oggetto delle deroghe informano la Regione Lazio, entro e non oltre il 31 luglio di ogni anno circa le iniziative adottate

 ( ivi comprendendo informazioni circa l’approvvigionamento idrico per i neonati ed i bambini al di sotto dei tre anni ) con un’opportuna relazione che comprenda anche informazioni sui progressi realizzati nelle misure correttive, i dati del monitoraggio dei parametri oggetto dideroga, i volumi di acqua forniti in bottiglie o in contenitori ed un programma di quanto è previsto per il completamento dei lavori. La relazione dovrà contenere anche la documentazione relativa alle modalità adottate per informare e consigliare la popolazione.”

Questo stesso Decreto prevede ai punti:

 “ 2. che i sindaci, l’azienda unità sanitaria locale, l’autorità d’ambito ed il gestore, ciascuno per quanto di competenza, devono provvedere affinché i consumatori interessati siano debitamente informati relativamente alle elevate concentrazioni del suddetto elemento nell’acqua erogata, qualsiasi sia l’utilizzo, compreso quello per la produzione, preparazione o trattamento degli alimenti, e consigliati sugli eventuali provvedimenti e sui comportamenti da adottare anche nei riguardi di gruppi specifici di popolazione per i quali potrebbe sussistere un rischio particolare anche in merito all’uso razionale di eventuali prodotti integratori. Dovranno inoltre informare circa le modalità per ridurre i rischi legati all’acqua potabile per la quale è stata concessa la deroga. La suddetta informazione dovrà essere ancora più dettagliata per la popolazione dei comuni nel cui territorio viene distribuita acqua con due o più valori di parametro in deroga;

3. che l’acqua distribuita non deve essere utilizzata per il consumo potabile dei neonati e dei bambini fino all’età di 3 anni;

4. che deve essere predisposto un opuscolo informativo da distribuire nelle scuole e presso i servizi materno-infantili; deve essere informata la popolazione, in via precauzionale, che l’acqua da bere in distribuzione, non deve essere somministrata ai neonati e ai bambini fino all’età di 3 anni;

5. che e’ rimessa alle Aziende Sanitarie Locali la verifica che le industrie alimentari, nel territorio interessato dal provvedimento di deroga, attuino i necessari provvedimenti, anche nell’ambito del piano di autocontrollo, affinché l’acqua introdotta come componente nei prodotti finali non presenti concentrazioni dei parametri in deroga superiori ai limiti stabiliti dal Decreto legislativo 2 febbraio 2001, n. 31.

 

6. che dovrà essere data informazione a questa Regione delle iniziative adottate”.

 

L’Associazione italiana medici per l’ambiente – Isde di Viterbo,  nel giudicare  grave la mancata realizzazione di interventi risolutivi  e definitivi per la completa dearsenificazione delle acque erogate a consumo umano nella maggior parte dei comuni della Provincia di Viterbo, chiede copia delle relazioni oggetto del  punto 7 del succitato Decreto e chiede inoltre di conoscere se, e con quali modalità, è stato adempiuto quanto decretato e indicato nei punti 2,3,4, 5, e 6 di questo stesso documento.

 

 

In attesa di un cortese ed urgente riscontro, si inviano distinti saluti,

                                                                                                                                dottoressa Antonella Litta

 referente per Viterbo dell’Associazione italiana medici per l’ambiente –

Isde (International Society of Doctors fo r the Environment – Italia)

Viterbo, 27 agosto 2012

 

 

 

This entry was posted in Acqua potabile and tagged , , , , , , . Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*