EQUITANI: “PER SANARE DEBITI DI TALETE BASTANO NOVE EURO IN PIU’ ALL’ANNO A UTENZA”

(NewTuscia) – BOLSENA – Si è tenuta ieri una seduta del consiglio comunale che aveva all’ordine del giorno un solo punto: il progetto di “scissione parziale di parte del patrimonio della SIIT Spa alla società Talete Spa”. La seduta è stata l’occasione per il sindaco Equitani, che è anche assessore provinciale delegato all’Autorità d’Ambito Territoriale Ottimale (ATO n.1 – Viterbo ) di esporre i contenuti della vicenda, che si trascina da alcuni anni, e quindi pronunciarsi sulle prospettive della Talete Spa.

Dopo una serie di numeri sulla contabilità e considerazioni varie  sulla gestione e quindi sulla possibilità di aumento delle tariffe in bolletta per il servizio idrico, Equitani ha affermato che i problemi economici di Talete Spa sono facilmente risolvibili: “In base a delle proiezioni fatte – ha detto l’assessore provinciale Equitani – per sanare i debiti di Talete basterebbero 9 (nove) euro in più all’anno ad utenza”.

Negli  interventi dell’opposizione sono stati invece messi in evidenza i motivi che, nell’interesse del Comune di Bolsena, hanno spinto la stessa a dichiarare voto contrario alla proposta di delibera, come da dichiarazione di voto scritta che è stata messa agli atti e nella quale si afferma che: “nella proposta di delibera non vengono chiariti i beni assegnati a Telete né il loro valore”, inoltre si osserva che “la documentazione a disposizione dei consiglieri è carente in quanto priva del progetto di scissione parziale”.

L’opposizione ha quindi ribadito la necessità “di superamento dell’attuale sistema di gestione del servizio idrico, anche alla luce della recente legge regionale 31/94”, ribadendo cioè la necessità per il Comune di Bolsena di uscite da Talete e passare ad una gestione diretta dell’acquedotto nell’ambito del bacino idrico del lago di Bolsena. In conclusione, l’opposizione ritiene che non si possa continuare a far pagare ai bolsenesi i debiti pregressi, fatti da chi ha o avuto la responsabilità di gestione delle società SIIt e Talete Spa.

30/06/2014

This entry was posted in Acqua potabile and tagged , . Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*