Acqua non potabile, autobotti all’opera

DOVE HANNO A CUORE LA SALUTE E RISPETTANO I DIRITTI DEI CITTADINI r.c.

Condotta sostituita a Grosseto ma resta in vigore l’ordinanza del sindaco: ammessi tutti gli usi però non si può bere

GROSSETO. L’intervento sull’acquedotto è andato bene ma l’acqua in città resta non potabile. La si può usare, insomma, per farcisi la doccia o lavare i piatti, ma non la si può bere o usare per bollire la pasta finché non ci sarà il via libera dell’Asl. Come da programma, nella notte tra sabato e domenica l’Acquedotto del Fiora ha sostituito la prima delle tre importanti condotte che, attraversando l’Ombrone, dal serbatoio del Grancia porta acqua a Grosseto e che era rimasta danneggiata durante l’alluvione del 2012.

Per permettere l’intervento il Fiora ha chiuso l’acqua dalle 22 di sabato alle 11 di domenica. Al riavvio del flusso, l’acqua che esce dal rubinetto di casa può essere torbida e i valori di metalli e batteri fuori norma per il consumo umano.

Secondo quanto ha comunicato l’Acquedotto del Fiora, il ripristino delle normali condizioni di erogazione procede nei tempi previsti. In molte case dove c’è ’autoclave la sospensione dell’acqua non è neanche stata percepita. In altre l’acqua è tornata alla spicciolata.

«Grazie alla collaborazione dei cittadini che hanno chiuso le autoclavi prima della sospensione dell’erogazione idrica – spiega l’Acquedotto – sono stati registrati consumi bassissimi durante i lavori: ciò ha reso possibile mantenere alimentata l’intera rete seppur a pressione minima, evitando così l’intorbidamento dell’acqua, e sta permettendo un più rapido ripristino delle consuete pressioni nell’intera rete cittadina».

Ieri mattina alle 9 sono iniziati i prelievi per le analisi sulla potabilità, effettuati da Acquedotto del Fiora e dall’Asl. Per i risultati bisogna aspettare almeno 24 ore, tempo necessario a effettuare le colture dei microorganismi.

Nel frattempo resta valida l’ordinanza che il sindaco ha emanato in via cautelativa che vieta di bere l’acqua perché non potabile. In particolare si può usare l’acqua per lavare frutta e verdura, sotto flusso d’acqua, riscaicquandola alla fine con acqua potabile; la si può usare per farsi la doccia e lavare vestiti, stoviglie e ambienti».

Lo stesso avviso di non potabilità è comparso sin da sabato sera nei cartelloni all’ingresso della città. Nel frattempo Acquedotto del Fiora ha predisposto un servizio di approvvigionamento con autobotti che si trovano in viale De Amicis/viale Giusti a Barbanella, in piazza Palatucci/via Carnicelli, in piazza del Mercato davanti al mercato coperto e in piazza Barsanti (piazzale dei Circhi).

In funzione anche le fontane in via Einaudi, via dello Sport, Parco Giotto e via del Tiro a Segno, e le Case dell’acqua al parco Giotto e al Casalone. Se ci sono casi in cui l’acqua non è ancora tornata, il Fiora invita a segnalarlo all’800 887755 (da fisso) e 199 114407 (da cellulare).

This entry was posted in Acqua potabile, Analisi acqua and tagged , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*